Le piante degli ipogei ricordano con forme fortemente evocative le parti del corpo femminile connesse all’apparato riproduttivo.

L’ipogeo riproduce sostanzialmente il grembo materno: tempio della vita dedicato alla dea madre terra.

Questo si articola in: dromos che, come una vulva, immette nella terra; stomion uno stretto corridoio, come il canale del parto, difficoltoso da percorrere; e la sala del culto vero e proprio grembo dove si rigenera e cresce la vita.