La manifestazione cultuale più imponente e cronologicamente più duratura (almeno per ottocento anni) del santuario è data dalla presenza di centinaia di buche, per lo più circolari, disposte su filari che formano allineamenti paralleli di cui non si conosce la reale estensione, orientati secondo precisi e ricorrenti riferimenti astronomici.